Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: no al logo dell'ordine nella carta intestata

Il parere del Consiglio Nazionale Forense sul quesito del Coa di Roma
comunicazione corporate di uno studio legale

di Marina Crisafi - L'avvocato non può riportare nella carta intestata dello studio il logo del proprio consiglio dell'ordine. Lo ha sancito il Consiglio Nazionale Forense, con parere n. 47/2016, pubblicato sul sito istituzionale in questi giorni, rispondendo ad un apposito quesito formulato dal Coa di Roma.

Il consiglio territoriale chiedeva se l'avvocato potesse riportare nella propria carta intestata il logo dell'ordine di appartenenza, con le indicazioni indicate dall'ordine stesso.

Ma per il Cnf, la risposta è negativa.

Il logo dell'ordine professionale, ricorda innanzitutto il Consiglio, "non può essere utilizzato da terzi, né dagli iscritti, senza l'autorizzazione di chi ne possa disporre".

In ogni caso, l'autorizzazione non può riguardare "l'uso del logo nella carta intestata dell'iscritto, trattandosi di segno distintivo di soggetto diverso da colui al quale è intestata la carta da lettere".

(24/11/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Cassazione: bigenitorialità non vuol dire tempi uguali coi figli
» L'avvocato diventa sempre più "fashion"
» Addio a WhatsApp e Telegram, arriva Dostupno
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» L'avvocato diventa sempre pił "fashion"
Newsletter f g+ t in Rss