Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Avvocati: largo alle donne! La professione si tinge di rosa

Il numero di donne avvocato è cresciuto a dismisura e le professioniste stanno dimostrando attitudine all'autoimprenditorialità e lungimiranza
avvocato donna id10425

di Valeria Zeppilli - Da qualche tempo ormai, la professione forense non è più "affare di soli uomini": le donne avvocato, infatti, sono sempre più numerose e stanno colonizzando le aule di Tribunale.

Basti pensare che solo una trentina di anni fa, nel 1985, la percentuale di donne che esercitavano la professione era del 9%, contro il 47,2% di dicembre 2015 (secondo i dati diffusi da Cassa Forense).

Si tratta, chiaramente, di una crescita senza precedenti e destinata a proseguire: la percentuale di avvocati uomini, infatti, è composta soprattutto da over 50, mentre tra i giovani le toghe rosa la fanno da padrone.

Oltretutto, le donne avvocato stanno dimostrando una maggiore attitudine all'autoimprenditorialità nel settore legale: nelle più importanti partnership con studi internazionali c'è quasi sempre lo zampino di una di loro.

Sempre le donne, inoltre, dimostrano un maggior orientamento all'aggregazione, nella convinzione che fornire un servizio qualificato a tutto tondo sia la carta vincente e che il trend del futuro non sarà più quello di tutti che fanno tutto, ma quello di ognuno che fa qualcosa e lo fa in maniera specializzata.

Oltretutto, le avvocatesse hanno iniziato a guardare anche oltre i settori tipicamente "femminili" per cimentarsi nei più disparati rami del diritto, nella convinzione di non aver nulla in meno dei colleghi uomini.

A tutto ciò si aggiunge la diffusione della "carta delle pari opportunità", nota in Italia già dal 2009 e che in questi anni si sta propagando non solo tra le imprese, ma anche tra gli studi legali (si pensi all'adesione prestata, nel luglio scorso, dallo studio Dentons).

Molte iniziative femminili nel campo dell'avvocatura, infine, sono ispirate a un recupero del tempo da dedicare alla famiglia e del benessere in maniera collaborativa.

Almeno in questo campo, insomma, le donne stanno riuscendo ad insinuarsi nei piccoli spazi lasciati dagli uomini. Molta strada c'è ancora da fare, solo guardando ai redditi, ma di sicuro la via è quella giusta.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche - Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara
(23/08/2016 - Valeria Zeppilli)

In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: ecco la bozza
» Cassazione: illegittima la sentenza che liquida solo spese vive senza onorari
» Cassazione: bigenitorialitŗ non vuol dire tempi uguali coi figli
» Legge 104: congedo straordinario anche al figlio non convivente
» RcAuto, pagare a rate non conviene
Newsletter f g+ t in Rss