Sei in: Home » Articoli

Il danno ingiusto nel diritto civile (Art. 2043 c.c.)

La responsabilitÓ aquiliana e l'area della risarcibilitÓ: il concetto di danno ingiusto ex art. 2043 c.c.
Bilancia e martello tenuti in mano
In tema di responsabilitÓ extracontrattuale, l'articolo 2043 del Codice Civile (Risarcimento per fatto illecito) enuncia un principio fondamentale del diritto privato: "qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno". 
Ne discende che, secondo il principio del neminem laedere, chi cagiona ad un terzo un danno ingiusto Ŕ tenuto a risarcirlo e che il presupposto della risarcibilitÓ risiede proprio nella "ingiustizia" del danno.

Ma quando il nocumento cagionato presenta le caratteristiche dell'ingiustizia? Per danno ingiusto deve intendersi il danno prodotto non iure e contra ius, ossia il danno che determina la lesione di un interesse - non necessariamente patrimoniale - meritevole di tutela secondo l'ordinamento giuridico.

Questa affermazione, oggigiorno considerata pacifica, Ŕ il frutto di un'evoluzione dottrinale e giurisprudenziale che ha condotto ad un progressivo ampliamento delle maglie del concetto di danno ingiusto

Secondo l'impostazione tradizionale, il danno ingiusto si sostanziava esclusivamente nella violazione di un diritto soggettivo assoluto, cioŔ in una condotta lesiva di un diritto della personalitÓ, di un diritto reale o di alcuni diritti concernenti i rapporti di famiglia.

L'area della risarcibilitÓ Ŕ stata, successivamente, estesa includendovi non solo i diritti assoluti, ma anche i diritti di credito. Da ultimo, Ŕ stato riconosciuto all'articolo 2043 c.c. il carattere di norma primaria, con la conseguente risarcibilitÓ degli interessi legittimi, vale a dire di quelle situazioni soggettive che non possono essere ascritte nell'alveo dei diritti soggettivi.

In definitiva, ai fini della qualificazione del danno come ingiusto, la lesione di un interesse legittimo -cosý come di quella di un diritto soggettivo o di un altro interesse giuridicamente rilevante- rientra nell'ambito di operativitÓ del principio del neminem ledere

Vai alla guida completa sulla responsabilitÓ extracontrattuale 
(01/08/2016 - Giovanna Molteni)
In evidenza oggi:
» Avvocati: il vademecum sulla privacy
» Cassazione: litigare davanti ai figli Ŕ reato
» Quali sono i beni che non si possono pignorare?
» Le misure cautelari
» Gdpr: al via la procedura online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss