Sei in: Home » Articoli

Guida in stato di ebbrezza: revoca della patente solo dopo il processo

Il Consiglio di Stato, con sentenza 2416/2016, chiarisce la decorrenza della revoca della patente ex art. 219, comma ter, del codice della strada
bicchiere rotto accanto alle chiavi di un'auto

Abogado Francesca Servadei - Con la sentenza 06/06/2016 numero 2416 la Terza Sezione del Consiglio di Stato si Ŕ pronunciata sull'interpretazione dell'articolo 219 comma III ter del Codice della Strada statuendo che a seguito di revoca della patente, causata dal reato di cui all'articolo 186, comma II bis Guida sotto l'influenza di alcool del citato Codice, la patente revocata pu˛ essere nuovamente conseguita dopo tre anni dal passato in giudicato della sentenza di condanna.

Nel caso di specie un uomo, che aveva causato un incidente, veniva sottosposto al test alcolemico il cui risultato era superiore a 1,5 g/l con conseguente applicazione dell'articolo 186, II comma bis e 219 comma III tre del Codice della Strada.

Dall'analisi della dinamica Ŕ d'obbligo soffermare l'attenzione sull'articolo 186, comma V, CdS alla luce del quale si evince che l'accertamento dello stato di ebbrezza deve essere effettuato da strutture mediche di base ovvero predisposte su richiesta degli organi della polizia stradale. Il citato articolo si riferisce all'accertamento in sede amministrativa; trattasi pertanto di un accertamento la cui contestazione e quindi l'eventuale potesi di reato deve essere contestata dell'autoritÓ giudiziaria.

Il Consiglio di Stato con pronuncia 2416/2016 ha statuito che la decorrenza dei tre anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna si basa sul fatto che "il testo legislativo non si Ŕ riferito alla data di commissione del fatto, nÚ alla data di accertamento in sede amministrativa"; d'altra parte dalla lettura dell'articolo 219, comma III ter Cds, Ŕ chiaro che il legislatore si riferisce all'accertamento del reato che non pu˛ che avvenire con il giudicato in sede penale e non con l'accertamento in ambito amministrativo. Da ci˛ deriva che il reato di cui all'articolo 186, comma II bis deve essere constatato, dall'autoritÓ giudiziaria, in tutti suoi elementi.

In definitiva, ha affermato il giudice amministrativo, la violazione di cui all'art. 186, comma 2-bis, con il combinato disposto dell'art. 219, comma 3-ter del Codice della Strada, va interpretata nel senso che la revoca del titolo di abilitazione alla guida decorre dalla sentenza penale che accerta definitivamente il reato.

Abogado Francesca Servadei

Studio legale Servadei

Corso Giacomo Matteotti, 49

Albano Laziale (Roma)

Tel: 069323507

Cell: 3496052621

E-MAIL: francesca.servadei@libero.i

(26/07/2016 - Avv.Francesca Servadei)
Le pi¨ lette:
» La responsabilitÓ oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullitÓ della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
ResponsabilitÓ medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilitÓ medica: la prova del danno spetta al paziente
Gratuito patrocinio: il tribunale non pu˛ pagare gli avvocatiGratuito patrocinio: il tribunale non pu˛ pagare gli avvocati

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF