Sei in: Home » Articoli

È furto aggravato allacciarsi abusivamente all'impianto idraulico altrui

Non si tratta di truffa in quanto la condotta prescinde dall'induzione in errore del somministrante
impianto idraulico installato da tecnico in condominio

di Valeria Zeppilli – Se l'inquilino moroso si allaccia abusivamente all'impianto idraulico altrui corre il rischio concreto di essere condannato per furto aggravato.

Questa, infatti, è stata la recente sorte di un uomo, condannato dal Tribunale di Trento, con sentenza del 6 aprile qui sotto allegata, per il reato di cui all'articolo 624 del codice penale.

Egli, in particolare, si era impossessato dell'acqua calda di altro condomino e l'aveva utilizzata sia per il riscaldamento che come acqua sanitaria, dato che il suo allaccio era stato bloccato dalla società erogatrice del servizio per mancato pagamento delle bollette.

Il tutto con più azioni esecutive di uno stesso disegno criminoso e forzando le grate poste a protezione dei contatori e dei manometri.

Nel pronunciare la condanna, il giudice trentino ha chiarito che le condotte accertate integrano il reato continuato di furto aggravato dalla violenza sulle cose e non quello di truffa, in quanto l'alterazione del sistema di misurazione dei consumi è avvenuta per il tramite di una condotta la cui rilevanza prescindeva dall'induzione in errore del somministrante. Tale condotta, piuttosto, è risultata diretta immediatamente all'impossessamento del bene con il fine di superare la volontà contraria del proprietario del bene stesso.

L'uomo così è stato condannato con il riconoscimento delle attenuanti generiche, oltre che al pagamento delle spese processuali, alla pena di otto mesi di reclusione e 250 euro di multa. Tale pena però resta sospesa stante la sussistenza dei requisiti di legge per la concessione del beneficio della sospensione condizionale.


Tribunale di Trento testo sentenza 6 aprile 2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(08/06/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF