Sei in: Home » Articoli

Avvocati: la povertà non è un buon motivo per sospendere le sanzioni disciplinari, anche se impediscono di lavorare

Giro di vite della Cassazione sull'inadempimento degli obblighi formativi da parte degli avvocati
avvocato povero che chiede soldi

di Marina Crisafi - Nessuna giustificazione per l'avvocato che non adempie agli obblighi formativi. Né la povertà, né l'impossibilità di lavorare valgono a sospendere la sanzione disciplinare. Ad affermarlo, sono le sezioni unite della Cassazione con l'ordinanza n. 10926/2016, pubblicata il 26 maggio, rigettando la domanda di un legale che chiedeva la sospensione della sanzione della censura irrogatagli per aver violato gli obblighi formativi.

Per gli Ermellini ciò che conta è il non aver rispettato le regole professionali e del codice deontologico.

A nulla valgono le doglianze del professionista che lamentava condizioni di indigenza, aggravate dal fatto che la sanzione gli precludeva l'attività di difensore d'ufficio che rappresentava la sua unica fonte di reddito.

Secondo il supremo consesso, infatti, la richiesta è manifestamente infondata, in quanto le motivazioni addotte non sono "plausibili" e dunque inidonee a giustificare "l'esigenza di sospendere la sanzione irrogatagli".

(27/05/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» L'avvocato ora è in affitto!
» Negozi chiusi la domenica: la proposta di legge
» Guida legale sulla responsabilità disciplinare dei magistrati
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» La responsabilità penale dei magistrati

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss