Sei in: Home » Articoli

PCT: sotto inchiesta la società che ha realizzato e gestisce la piattaforma

Al vaglio dell'ACGM l'ipotesi di abuso di posizione dominante
Donna con lente di ingrandimento
In un comunicato stampa diffuso oggi pomeriggio dall'AGCM, l'autorità ha reso noto di aver aperto "un'istruttoria nei confronti di Net Service, per accertare eventuali condotte abusive che avrebbero riguardato l'intera filiera dei sistemi informatici per lo svolgimento di servizi che attengono alla funzione giudiziaria".

Sono state così eseguite ispezioni nella sede di Net Service, con l'ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza.

La società in questione ha realizzato e gestisce, per conto del Ministero della Giustizia, la piattaforma per il funzionamento del Processo civile telematico e contemporaneamente offre ai professionisti del settore, in concorrenza con altre imprese, i software applicativi.

Come si legge nel comunicato, "La posizione dominante sul mercato a monte consente all'impresa di conoscere in anticipo rispetto ai concorrenti l'evoluzione del linguaggio informatico, perfezionando prima degli altri le versioni aggiornate dei software applicativi da vendere a valle".

L'Antitrust spiega quindi che Net Service ha l'obbligo concorrenziale "di mettere tempestivamente a disposizione dei concorrenti le stesse informazioni di cui dispone per lo sviluppo di software applicativi. Il mancato rispetto di tale obbligo pone rilevanti rischi competitivi. La società potrebbe così estendere indebitamente sul mercato a valle il potere monopolistico di cui dispone sul mercato a monte, tramite condotte discriminatorie in grado di ostacolare lo sviluppo di offerte concorrenziali quali, per esempio, la comunicazione incompleta e intempestiva delle nuove specifiche tecniche".


Ecco il testo del provvedimento con i dettagli sulle condotte oggetto di valutazione:
(20/05/2016 - Redazione) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Divorzio: quando la ex può conservare il cognome del marito
» Fumo in auto: arriva lo stop
» Bollo auto storiche
» La carta di debito
» Avvocato d'ufficio: decreto e precetto sufficienti per farsi pagare dallo Stato
Newsletter f g+ t in Rss