Sei in: Home » Articoli

Avvocati: niente responsabilità per il legale che dimentica di citare i testi, se non incide sull'esito della causa

Cassazione: se il mancato adempimento di alcune attività difensive non ha incidenza causale sulle sorti della controversia il cliente non va risarcito
avvocato che mette una mano sulla spalla del cliente

di Valeria Zeppilli – Anche quando omette di citare un teste rilevante, l'avvocato non è responsabile nei confronti del cliente se tale sua mancanza non incide sul giudizio finale.

Ad averlo precisato, recentemente, è stata la Corte di cassazione con la sentenza numero 8912/2016 depositata il 4 maggio e qui sotto allegata.

Nel caso di specie, ad aver citato in giudizio il proprio legale era stata una società che lamentava di aver perso una causa a seguito di alcune mancanze dell'avvocato, poste in essere nella fase istruttoria.

Ma, come già sancito dalla Corte d'appello, anche la Cassazione ha ritenuto che tra le omissioni del legale e l'esito sfavorevole del giudizio non c'era alcun legame.

Con un'approfondita analisi, che in sede di legittimità è stata avvalorata, il giudice del merito aveva infatti verificato che il mancato adempimento da parte dell'avvocato di alcune attività difensive non ha avuto alcuna incidenza causale sulle sorti della controversia secondo una prognosi probabilistica.

Peraltro non bisogna dimenticare che l'obbligazione che l'avvocato assume nei confronti del proprio cliente è un'obbligazione di mezzi e non certo di risultato.

Nonostante ciò non significhi prescindere dalla valutazione del comportamento tenuto dal legale nell'esecuzione della prestazione, è comunque fuori discussione che il professionista che assume un incarico presta la propra opera con l'impegno a raggiungere il risultato desiderato e non certo quello di conseguirlo: il risultato, infatti, dipende da fattori estranei dalla condotta che egli tiene.

Il ricorso del cliente insoddisfatto non può che essere respinto.

Vedi anche: La responsabilità professionale dell'avvocato. Un'anno di pronunce della Cassazione - Con raccolta di articoli e sentenze

Corte di cassazione testo sentenza numero 8912/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(06/05/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» La chiusura delle indagini preliminari
» WhatsApp, cambiamenti e novità in arrivo
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss