Sei in: Home » Articoli

Data certa: timbro su un unico foglio

Se la scrittura privata non autenticata forma un unico corpo con il foglio sul quale è stato apposto il timbro, la data che risulta da quest'ultimo è certa
posta timbro id12042
di Valeria Zeppilli – Nei giorni scorsi la Corte di Cassazione ha emesso un'interessante ordinanza in materia di data certa.

Ci si riferisce, in particolare, alla numero 6512/2016, depositata il 4 aprile (qui sotto allegata), con la quale i giudici di Piazza Cavour hanno sancito che se la scrittura privata non autenticata forma un unico corpo con il foglio sul quale è stato apposto il timbro, la data che risulta da quest'ultimo deve essere reputata come la data certa della scrittura, ai fini della computabilità di fronte ai terzi.

Per la Corte, infatti, la timbratura che sia stata eseguita in un ufficio pubblico è equivalente ad un'attestazione autentica circa l'invio del documento il medesimo giorno in cui essa è stata eseguita.

Tale principio di diritto, in realtà, non è nuovo ma era stato affermato dalla Cassazione già con l'ormai risalente sentenza numero 10873/1999.

Nel caso di recente all'attenzione dei giudici, più nel dettaglio, la questione era sorta a seguito del respingimento, da parte del Tribunale di Monza, dell'opposizione allo stato passivo proposta da un istituto di credito, escluso dal passivo fallimentare senza che gli fosse riconosciuto il credito richiesto in forza del saldo di un conto corrente bancario.

L'istituto era quindi ricorso per cassazione lamentando, tra le altre cose, la violazione dell'articolo 2704 del codice civile, che disciplina la data della scrittura privata nei confronti dei terzi. Nel merito, infatti, era stata accolta l'eccezione di difetto di data certa relativa alla documentazione versata dalla banca.

La Corte, proprio sulla base del predetto principio di diritto, ha invece accolto le lamentele dell'istituto di credito: nel documento 11, allegato al suo ricorso ex art. 98 LF, la banca aveva infatti indicato un atto sulla cui ultima pagina era riportato il timbro dell'Ufficio postale e, come tale, era munito quindi di data certa che risultava anteriore alla dichiarazione di fallimento della debitrice.

La causa torna quindi dinanzi al Tribunale di Monza.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 6512/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(14/04/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» Bollette luce, acqua e gas prescritte in 2 anni
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» Gli accordi di separazione consensuale


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF