Sei in: Home » Articoli

Dna: arriva il prelievo anche forzoso e sulla scena del crimine

Presto operativa la banca dati, eccetto che per i delitti dei "colletti bianchi"
prelievo del dna

di Marina Crisafi – Ci sono voluti sei anni, rispetto alla legge che l'ha istituita (la n. 85/2009) ma ormai la banca dati nazionale del Dna è pronta per diventare operativa. Il dpr attuativo infatti, come riportato da Italiaoggi, è ormai in dirittura d'arrivo e dovrebbe ricevere il sì definitivo nel preconsiglio dei ministri di domani.

La banca dati sarà gestita dal dipartimento della pubblica sicurezza del Viminale e sarà basata su un software su due livelli: il primo, utilizzato a fini investigativi, a livello nazionale e il secondo per le collaborazioni di polizia a livello internazionale, con l'obiettivo di raccogliere i profili genetici dei condannati soprattutto per il contrasto al terrorismo.

Ad essere raccolti saranno i profili genetici di chi si trova in custodia cautelare o agli arresti domiciliari; dei detenuti e degli internati per sentenza irrevocabile per delitti non colposi; di coloro ai quali è applicata una misura alternativa al carcere (sempre per sentenza irrevocabile per delitti non colposi); di chi sconta una misura di sicurezza detentiva (in via provvisoria o definitiva); di chi è arrestato in flagranza di reato o sottoposto a fermo indiziato di delitto.

Il prelievo sarà effettuato dai campioni di mucosa orale (da agenti penitenziari addestrati ad hoc o dalle forze di polizia direttamente sulla scena del crimine), e potrà anche avvenire in modo forzoso (ma sempre nel rispetto della dignità e della riservatezza delle persone).

Tra i reati esclusi, stando alle bozze, ci sono quelli dei c.d. colletti bianchi (fallimentari, societari, ecc.).

(20/03/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss