Sei in: Home » Articoli

Cassazione: stop all'ipoteca di Equitalia se c'è il fondo patrimoniale

Esclusa l'esecuzione se l'obbligazione è stata contratta per scopi inerenti i bisogni della famiglia
pignoramento ipoteca esecuzione espropriazione casa mutuo

di Valeria Zeppilli – Se Equitalia effettua un pignoramento per crediti tributari su un immobile che è costituito in un fondo patrimoniale, tale pignoramento deve ritenersi nullo.

Con la sentenza numero 3600 depositata il 24 febbraio 2016 (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha infatti chiarito che l'articolo 170 del codice civile, che disciplina l'esecuzione sui beni del fondo e sui frutti di essi e l'iscrizione di ipoteca, detta una regola che va applicata anche all'iscrizione di ipoteca non volontaria. Inclusa l'ipoteca di cui all'articolo 77 del d.p.r. n. 602/1973.

Nel fare ciò, secondo la Corte, tale articolo esclude l'esecuzione solo nel caso in cui questa derivi da debiti insorti per scopi estranei ai bisogni della famiglia e il creditore sia di ciò consapevole.

Di conseguenza è necessario individuare i criteri idonei a identificare i debiti per i quali può procedersi a esecuzione sui beni del fondo facendo riferimento alla relazione esistente tra il fatto che ha generato l'obbligazione e i bisogni della famiglia. Non, invece, nella natura contrattuale o extracontrattuale dell'obbligazione.

Alla luce di tutto ciò i giudici di legittimità hanno quindi chiarito che è ben possibile che anche un debito tributario che sia sorto in ragione dell'esercizio di un'attività imprenditoriale sia volto a soddisfare i bisogni della famiglia.

Il ricorso di Equitalia avverso la sentenza con la quale i giudici del merito avevano sancito l'illegittimità di una procedura esecutiva esperita dall'ente, in quanto in contrasto con l'articolo 170 c.c. proprio per tale ragione, non può pertanto essere accolto.


Corte di cassazione testo sentenza n. 3600/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/02/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Separazione: rischia l'esclusione dalle scelte sulla salute dei figli il genitore che rifiuta i vaccini
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss