Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: il cliente-debitore può essere ritenuto in mora solo dopo la liquidazione del debito

Se sorge una lite per i compensi, gli interessi decorrono dalla data in cui è emessa l'ordinanza con la quale si conclude il procedimento ex art. 28 l. 794/1942
avvocati contratto
di Valeria Zeppilli – Il D.M. numero 238 del 14 febbraio 1992, che disciplina le tariffe forensi, pone una importante disposizione che interessa tutte e tre le tipologie di tariffe: quella civile, quella penale e quella stragiudiziale. Ci si riferisce, in particolare, alla previsione in base alla quale gli interessi di mora, in caso di mancato pagamento della parcella dell'avvocato da parte del cliente, decorrono a partire dal terzo mese successivo all'invio della stessa.

Proprio su tale disposizione è recentemente intervenuta la seconda sezione civile della Corte di cassazione, che, con la pronuncia numero 2954 depositata il 16 febbraio 2016 (qui sotto allegata), ha chiarito che se tra l'avvocato e il cliente sorge una controversia inerente il compenso per le prestazioni professionali, il cliente-debitore può essere ritenuto in mora solo dopo che sia stato liquidato il debito, ovverosia a partire dalla data in cui viene emessa l'ordinanza con la quale si conclude il procedimento, di sollecita definizione, promosso ai sensi dell'articolo 28 della legge numero 794 del 13 giugno 1942.

Ciò vuol dire che gli interessi di mora, in tale ipotesi, decorrono solo da tale data, peraltro entro i limiti di quanto liquidato dal giudice.

Nel caso di specie, tra avvocato e cliente (un Comune) era sorta una controversia inerente il quantum. Di conseguenza, per la Corte di cassazione, gli interessi, così come il maggior danno da svalutazione monetaria preteso dal professionista, devono considerarsi soggetti alle regole comuni previste dall'articolo 1224 del codice civile, dato che la mora debendi deve ritenersi verificata solo dopo che il credito sia divenuto liquido ed esigibile.

Il ricorso del Comune avverso la sentenza articolata del giudice di appello sulla controversia insorta con il proprio legale va quindi accolto, sebbene limitatamente a tale motivo e non agli altri sei proposti.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(17/02/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza: unico reato
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Auto carica di bagagli? Multe fino a 338 euro
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss