Sei in: Home » Articoli

Più divorzi, giustizia lenta e poco lavoro. Ecco l'Italia fotografata dall'Istat

Condividi
Seguici

Come ogni anno pubblicato il report sull'andamento del Paese, che esce dal 2015 un po' malconcio ma più longevo e attento alla cultura
export vino italiano in spagna

di Valeria Zeppilli - Se si guarda al quadro che, come ogni anno, ha recentemente dipinto l'Istat, la nostra cara Italia, nel complesso, non si presenta un granché bene

La giustizia è ancora molto lenta, con quattro milioni e mezzo di cause pendenti nel solo campo civile, e il mercato del lavoro, sebbene in crescita, resta lontano dalla media dell'Europa. Da dietro, infatti, ci guardano solo Croazia e Grecia. 

Senza parlare dell'aumento dei furti e del persistente problema del sovraffollamento delle carceri

Le iscrizioni all'università hanno poi subito un netto calo: complice, probabilmente, la crescente sfiducia nel sistema, solo il 49,7% dei ragazzi decide di proseguire i propri studi una volta conseguita la maturità. 

Non vanno meglio gli affari di cuore, con un aumento dei matrimoni giunti al capolinea

L'Italia non perde, poi, le sue amate tradizioni: si continua a considerare il pranzo un momento "sacro" (per il 67,2% dei cittadini è il pasto principale) e lo si continua a consumare a casa (almeno dal 73,4% della popolazione). 

Va poco lo sport, praticato solo da un italiano su tre

Resta poi altissima e tipica rispetto al resto d'Europa la percentuale di famiglie proprietarie delle abitazioni in cui vivono: ben il 71,2%. Quasi una su cinque, tuttavia, per godere di tale beneficio sta fronteggiando un mutuo. 

Le buone notizie sono che si vive più a lungo, si visitano di più i musei e, dopo diversi anni, non diminuiscono i lettori

Chissà cosa ci riserverà l'anno a venire.


Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(30/12/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Codice della strada: arriva la riforma
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Reddito di cittadinanza, c' la seconda ricarica

Newsletter f t in Rss