Sei in: Home » Articoli

Assegno di separazione: la determinazione non può prescindere da una corretta valutazione del reddito effettivo del coniuge obbligato

Ciò specie se le somme risultanti dalle dichiarazioni dei redditi sono insufficienti a giustificare il tenore di vita che la famiglia conduceva prima della sepa
soldi euro scommesse
di Valeria Zeppilli - La determinazione dell'ammontare dell'assegno di separazione in favore dell'ex coniuge e dei figli non può prescindere da una corretta valutazione del redditto che, chi è tenuto a pagare, ha effettivamente prodotto.

In tal senso si è espresso il Tribunale di Roma, con sentenza del 13 marzo 2015 (qui sotto allegata).

In corso di causa, in realtà, il C.T.U. aveva accertato che i redditi dichiarati al Fisco dal coniuge tenuto all'assegno erano apparentemente congruenti con l'attivo delle sue società e con le entrate dei propri conti correnti bancari.

Tuttavia, nella determinazione dell'elargizione economica in favore dell'ex moglie e dei figli, il giudice ha ritenuto di non poter omettere di considerare altre, fondamentali, circostanze.

Le somme risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, infatti, erano del tutto insufficienti a giustificare il tenore di vita che la famiglia conduceva prima della separazione.

Oltre a dover sostenere un oneroso mutuo, infatti, l'uomo, unico a produrre redditi, aveva ulteriori rilevanti costi fissi in uscita.

Si pensi, oltre al vitto, alle utenze e alle normali spese quotidiane, alle rette per la scuola privata delle figlie, all'affitto di una residenza per le vacanze estive e agli esborsi per ulteriori vacanze in montagna, alla gestione economica di due autovetture e una moto, alle rilevanti spese per estetista, parrucchiere e vestiario della moglie.

A tutto ciò si aggiungevano ulteriori spese incongrue rispetto ai redditi dichiarati, quali l'acquisto di un costoso SUV e i lavori di ristrutturazione e arredo della casa coniugale.

Di tali circostanze, insomma, il Tribunale di Roma ha ritenuto di non poter non tenere conto nella determinazione dell'ammontare dell'assegno di separazione.

E paradossali sono stati considerati i tentativi dell'uomo di giustificare tale elevato tenore di vita sulla base di presunte regalie materne o di altri componenti della famiglia.

Anzi, essi non hanno fatto altro che contribuire, insieme a quelli di occultazione dei reali redditi, alla condanna del coniuge anche alle spese del giudizio.

Tribunale di Roma testo sentenza del 13 marzo 2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(15/11/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Colpo di frusta: si al risarcimento anche senza esami strumentali
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi
» Ecco chi è Giuseppe Conte, il premier in lizza


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss