Sei in: Home » Articoli

Sanzione pecuniaria per il genitore che impedisce all'altro coniuge di far visita ai figli.

Corte di Cassazione, sentenza 3810/2015
affido figli affidamento
La Corte di cassazione, con sentenza 3810/2015, ha respinto il ricorso di una madre condannata a pagare mille euro alla Cassa ammende per aver ostacolato il diritto del marito di far visita alle figlie.

La questione nasce nel tribunale di Messina, quando in primo grado veniva pronunciata la separazione dei coniugi con affidamento congiunto delle figlie minori, e con domiciliazione delle stesse presso la madre. Inoltre, considerati i rapporti tra i coniugi, il tribunale ammoniva, ai sensi dell'articolo 709 ter c.p.c , entrambe le parti ad agevolare il rapporto delle bambine con l'altro genitore, scongiurando atteggiamenti che potessero ostacolare il corretto svolgimento delle modalitÓ del loro affidamento.

Constatata per˛ l'inefficacia del semplice ammonimento, il tribunale di secondo grado disponeva d'ufficio una misura pi¨ incisiva condannando la donna, che in pi¨ occasioni aveva ostacolato il diritto di visita del marito, al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria come disincentivo rispetto alla commissione di ulteriori violazioni di tal genere.

L'art. 709 ter c.p.c, infatti, prevede che, in caso di gravi inadempienze che arrechino pregiudizio al minore o che ostacolino il corretto svolgimento delle modalitÓ dell'affidamento, il giudice possa ammonire il genitore inadempiente; disporre il risarcimento dei danni a carico di uno dei genitori nei confronti del minore; disporre il risarcimento dei danni a carico di uno dei genitori nei confronti dell'altro genitore; condannare l'inadempiente al pagamento di una sanzione (da 75 a di 5.000 euro) a favore della Cassa delle ammende.

(01/04/2015 - Maria De Filippis)
Le pi¨ lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF