Sei in: Home » Articoli

Scandalo Aiazzone, mobili mai consegnati: 12 mila famiglie truffate

Sarebbero 12 mila le famiglie truffate dall'azienda di mobili Aiazzone, di proprietà Gianmauro Borsano e Renato Semeraro. Secondo un servizio de “Le Iene”, andato anche questo mercoledì in onda, ben 12 mila ignari consumatori avrebbero prenotato mobili, pagando un acconto e accendendo prestiti, per consegne che non sono mai giunte a destinazione. Nessun numero di telefono risponde alle famiglie imbufalite, che in moltissimi casi, attendono i mobili da anni. Presso la sede di Aiazzone le saracinesche sono abbassate e si rilevano anche pietrate ai cancelli e addirittura un proiettile, quasi sicuramente per mano dei clienti esasperati. Non solo: ben 850 dipendenti di tutti i punti vendita dell'azienda attendono gli stipendi arretrati.
Eppure, a sentire alcune testimonianze del personale ex impiegatizio dell'azienda, si fatturava fino a 12 milioni di euro al mese, ma certe fatture venivano emesse con importi gonfiati fino a 4-5 volte la reale somma dovuta verso alcune imprese. E intanto Fiditalia continua ad esigere le rate delle finanziarie, malgrado l'oggetto della compravendita di fatto non esista più. A tale proposito, Codacons fa sapere che il Codice di Consumo, nonché una direttiva europea prevedono in questi casi l'immediata sospensione delle rate e la restituzione delle rate pregresse pagate dai clienti truffati.
(14/03/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
» Il pignoramento
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
» Niente testimoni se non sono indicati nella denuncia di incidente
» RC Auto: vietata la clausola che impone il carrozziere
In evidenza oggi
Strisce blu: senza bancomat sosta gratis, un'altra conferma da FirenzeStrisce blu: senza bancomat sosta gratis, un'altra conferma da Firenze
Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euroBonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF