Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'offesa all'aspetto fisico è ingiuria se riferita al ruolo professionale e all'ambiente sociale della persona offesa

La Corte di Cassazione, con sentenza 3360 del 31 gennaio 2011, ha affermato la configurabilità della fattispecie delineata dall'articolo 594 c.p. (Ingiuria), relativamente alla frase "sei un cesso, ma ti sei vista?...", che assume una particolare carica offensiva se rapportata al contesto in cui è stata pronunciata e riferita al ruolo professionale e all'ambiente sociale della parte offesa. Nella fattispecie la persona offesa svolge la professione di avvocato e la frase ingiuriosa indirizzatale è stata rivolta in pieno centro cittadino, a pochi metri dal Tribunale, nel luogo che rappresenta il punto di incontro di appartenenti all'ordine degli avvocati.
La Suprema Corte, condividendo il riconoscimento della lesività giuridica della frase ingiuriosa - sottolineata dai giudici di merito-, precisa come la condotta integra la fattispecie di cui all'articolo 594 c.p. in quanto "le parole profferite sono sicuramente tali da offendere l'aspetto fisico ed esteriore e sono idonee a ledere la sfera personale e privata di una donna, la cui immagine è stata offuscata anche nell'ambito del proprio ambiente professionale".
(03/02/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Bulli online: ammoniti dal questore
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF