Sei in: Home » Articoli

Consumatori in rivolta per nuovi pedaggi autostradali

E' bastato l'annuncio del presidente dell'Anas, Pietro Ciucci, che sarebbe in vista l'introduzione di altre tratte stradali, gestite dall'Anas, nell'elenco dei percorsi soggetti al pagamento del pedaggio, che si è scatenata una serie di reazioni più o meno vivaci, dal mondo delle istituzioni locali e delle associazioni dei consumatori. In particolare, Ciucci fa sapere che sarebbero soggetti a pagamento un primo tratto della Salerno-Reggio Calabria e il Grande Raccordo Anulare a Roma. Le associazioni dei consumatori sono immediatamente balzate sul piede di guerra, dichiarando che questi aumenti avranno effetti nefasti sull'economia della penisola, perché si ripercuoterebbero sul trasporto merci, e, quindi, avrebbero una spinta inflazionistica.
Non solo: Adusbef e Federconsumatori hanno dichiarato che questi tratti sarebbero ingiustamente a pagamento, in quanto spesso trattasi di percorsi carenti e di scarso livello qualitativo; insomma, una beffa ai danni degli automobilisti. Il Ministro per le Infrastrutture, Altero Matteoli, dal canto suo, fa sapere che i nuovi pedaggi escluderebbero i pendolari, ossia lavoratori e studenti, che utilizzano tali percorsi, per motivi di studio o di lavoro, comunque con alta frequenza. Ma a quanto pare questa esclusione non basta a calmare le reazioni dei consumatori e delle amministrazioni locali; a Roma, indistintamente dai colori politici, Comune e Provincia hanno già annunciato che faranno ricorso al Tar, semmai si giungesse alla decisione ufficiale di un Raccordo Anulare a pagamento.
(25/01/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF