Sei in: Home » Articoli

Aggredisce controllore? Cassazione, è resistenza a pubblico ufficiale

Attenzione a reagire e aggredire un controllare che vi sorprende a viaggiare sull'autobus da “free rider”: potreste essere condannati per resistenza a pubblico ufficiale. È questo infatti il principio di diritto che è emerse con la sentenza n. 36177 dell'8 ottobre scorso, con cui la Corte di Cassazione ha condannato un uomo che, sorpreso da un controllore a viaggiare senza biglietto, aveva reagito aggredendo il soggetto deputato a controllare i titoli di viaggio. L'uomo condannato dai giudici di merito, proponendo ricorso per cassazione, aveva eccepito che non poteva essere condannato per violazione dell'art. 337 del codice penale, non rivestendo il controllore la qualità di pubblico ufficiale.
La Corte ha invece rigettato l'eccezione proposta dall'imputato e, in merito alla qualità di pubblico ufficiale del controllore, ha spiegato che il controllore, "incaricato di pubblico servizio", "svolge attività ispettiva ed accertativa, finalizzata al controllo del mancato fraudolento pagamento del biglietto di viaggio, con la conseguenza che il passeggero che lo aggredisce dopo la verifica della mancata obliterazione del titolo di viaggio risponde di resistenza a pubblico ufficiale”.
(14/10/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» I procedimenti in camera di consiglio
» Responsabilità medica: reato di omicidio per il sanitario che sbaglia il triage
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Studi legali: addio al chiuso per ferie
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificatiAvvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificati
Divorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglieDivorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglie
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF