Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si può dare del bugiardo se necessario

bugiardo id8642
Ci sono casi in cui è lecito dare del bugiardo. Ma solo se strettamente necesario. E' quanto ha stabilito la Corte di Cassazione dando il via libera a tale epiteto a patto che vi si ricorra, appunto, in caso di stretta necessità e per far sapere "la propria opinione sulla verità". Il caso esaminato dal Palazzaccio (sentenza n.20753/2010) riguarda la richiesta di risarcimento danni avanzato da una donna che, nel corso di un giudizio di separazione in cui si doveva stabilire in ordine all'affidamento dei minori, si era sentita offessa per essere stata definita 'bugiarda' . La donna sosteneva di essere stata ingiuriata da una consulente che assistema la controparte, la quale, sentendo dire che la donna da lei difesa era inadatta all'affidamento dei figli, di tutta risposta le aveva dato della 'bugiarda' davanti ai giudici. Il caso finiva nelle aule di giustizia ma la consulente veniva assolta perchè, scrivevano i giudici di merito, non aveva fatto altro che "agire nell'esercizio dell'adempimento del dovere nella funzione di consulente di parte". Ora la suprema Corte ha confermato la decisione.
Altre informazioni su questa sentenza
(24/06/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Successioni: ecco il nuovo modello
» Avvocati: l'ordine di Milano assume
» Come mettere il cognome della madre ai figli
» Riforma processo penale, tutti intercettati!
In evidenza oggi
Divorzi finti per pagare meno tasse: sono oltre 6milaDivorzi finti per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
Corte Ue: i vaccini possono provocare malattieCorte Ue: i vaccini possono provocare malattie
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo