Sei in: Home » Articoli

Esenzioni fiscali per comitati che amministrano ordini? No della Cassazione

Con la sentenza n. 9758 depositata il 23 aprile 2010 la quinta sezione civile della Corte di Cassazione ha stabilito che non hanno diritto ad agevolazioni fiscali i comitati che amministrano gli ordini e i collegi professionali. In particolare la Corte ha stabilito che questi enti non hanno diritto alle esenzioni previste dall'art. 6 del D.P.R. n. 660 del 1973. Su ricorso proposto dal Comitato dei Consigli nazionali degli ordini e Collegi professionali (Comprofessionisti), contro il Ministero delle Finanze, la Corte ha precisato che questi enti “svolgono attività con scopi esclusivamente culturali”. “Il comitato – ha spiegato la Corte - è una persona giuridica che, adempiendo al vincolo legislativo di amministrare il palazzo (…), non svolge sicuramente alcuna attività che possa configurarsi come specie di uno dei generi di attività che sono elencati nelle lettere a) e b) dell'art. 6 DPR 29 settembre 1973, n. 601, né svolge alcuna attività che possa qualificarsi come attività di interesse generale”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/05/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF