Sei in: Home » Articoli

Corruzione in atti giudiziari susseguente: la Cassazione a Sezioni Unite ci dirà se esiste

Corruzione susseguente? Il 25 febbraio sapremo dalle Sezioni Unite se tale costrutto è contemplato nel nostro ordinamento. La Suprema Corte è chiamata a confermare o riformare un'importante pronuncia di condanna a 4 anni e mezzo per corruzione in atti giudiziari. Completerà l'ingorgo processuale la riattivazione del processo gemello il 27 febbraio successivo avanti la Corte di Appello di Milano. Va ricordato che nella loro motivazione i giudici del gravame ritennero si versasse in ipotesi di corruzione in atti giudiziari susseguente, vale a dire consumata dopo la deposizione dell'attuale imputato, che si assume reticente, anziché antecedente come valutato in sede di Tribunale.
Il problema è che si configura un contrasto nella giurisprudenza di Cassazione in ordine alla configurabilità di questo costrutto giuridico. La questione è decisiva, perché, se passasse la linea che non può contemplarsi nel nostro ordinamento una «corruzione in atti giudiziari susseguente», il reato degraderebbe a «corruzione semplice» e perciò sarebbe già caduto in prescrizione; talché il primo presidente della Cassazione, Dott. Vincenzo Carbone, alacre nell'opera di smaltimento dell'arretrato della Suprema Corte regolatrice, ha deciso che a dirimere il contrasto fossero le Sezioni Unite.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/02/2010 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF