Sei in: Home » Articoli

Cassazione: le offese subite dai figli offendono anche i genitori

Una parola di troppo nei confronti dei figli offende anche i genitori che sono responsabili della loro educazione. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che ha convalidato una condanna per lesioni personali e ingiuria nei confronti di un uomo accusato tra le altre cose di aver offeso una ragazza in presenza del padre. L'uomo nel corso del giudizio si era difesa affermando che le offese maggiori erano rivolte alla ragazza che per non lo aveva querelato. La Corte (V sezione penale sentenza n. 5876/2010), ha respinto le richieste dell'imputato facendo notare che con riferimento alle offese rivolte alla ragazza, ''un ulteriore aspetto di offensivita' e' stato fondatamente individuato anche nelle espressioni che, pur attingendo in via diretta la figura della figlia del querelante, tuttavia si sono risolte anche in una lesione della reputazione del padre, chiamato in causa quale genitore della ragazza e quindi persona responsabile della formazione e della educazione della medesima''.
(18/02/2010 - Roberto Cataldi)
Le pi lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c' il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos' e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa  incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione:  reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF