Sei in: Home » Articoli

Consumatori: domani a Roma una tavola rotonda. Sotto accusa i servizi ferroviari

L'unione Nazionale Consumatori ha organizzato per domani una tavola rotonda per discutere dei disagi lamentati dagli utenti del servizio ferroviario. In base alle segnalazioni raccolte l'associazione parla di "ritardi dei convogli ferroviari, scarsa pulizia a bordo e servizi igienici indecorosi" che non appaiono giustificati a fronte di un consistente aumento del costo dei biglietti. Anche il servizio di ristorazione è sotto accusa: la qualità sembra infatti peggiorata. Domani a Roma alle ore 11, in Piazza San Giovanni in Laterano, 40 sarà presentata una video-inchiesta e, al termine della proiezione, avrà inizio il dibattito. Il Segretario generale dell'Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona, ha dichiarato in proposito: "Parlare delle ferrovie è un po' come parlare del nostro Paese. Anzi per citare un passo di una recente inchiesta sul mondo del trasporto ferroviario, 'nelle FS c'è la storia ed il codice genetico del nostro Paese'. Ed in effetti in questa storia si ritrova, purtroppo, la metafora di un certo modo di amministrare l'Italia, ispirato alla gestione privatistica della cosa pubblica.
L'esorbitante mole di reclami recapitati ai nostri sportelli evidenzia la triste realtà di utenti ogni giorno più delusi e frustrati dalle inefficienze del servizio, dall'incuria e dal degrado del materiale rotabile, dalla crescita ingiustificata del costo del biglietto, dalle tante piccole grandi astuzie che si traducono in quotidiane piccole e grandi offese ai diritti dei passeggeri".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/02/2010 - Notiziario)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF