Sei in: Home » Articoli

Cassazione: chi occupa i binari della stazione commette reato anche se non crea disagi e o ritardi dei treni

Integra la fattispecie del reato di interruzione di pubblico servizio il fatto di occupare una stazione ferroviaria. E ciò anche se la protesta non ha creato disagi o situazioni di ritardo nei trasporti. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione condannando 10 manifestanti che nel 2003 avevano occupato i binari della stazione centrale di Napoli. I treni in quella giornata subirono delle deviazioni in altre stazioni ma non vi furono ritardi di alcun tipo. Secondo la Cassazione il reato previsto e punito dall'articolo 340 del codice penale sussiste (in caso di occupazione dei binari) anche se "non vi e' stata alcuna denunzia o comunicazione delle Fs, in relazione a presunti ritardi o disservizi ricondiucibili ai fatti in questione". Già in precedenza la Corte d'Appello aveva emesso un verdetto di condanna ed il caso era finito di Cassazione perché manifestanti a propria discolpa avevano sostenuto che l'occupazione non aveva provocato disagi.
Gli Ermellini respingendo il ricorso hanno evidenziato che per far scattare la condanna è sufficiente l'occupazione in sé e non c'è bisogno che vi siano state anche denunce o comunicazioni delle ferrovie in merito a ritardi o disservizi riconducibili alla protesta.
(11/11/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Bulli online: ammoniti dal questore
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF