Sei in: Home » Articoli

Cassazione: in merito ai controlli dei conti correnti di amministratori società

La Sezione Tributaria Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 15172/2009) ha stabilito che “l’acquisizione dei conti correnti della società e di terzi ad essa collegati (nella specie, l’amministrazione della medesima) doveva ritenersi legittima anche in presenza di contabilità regolarmente tenuta e i dati emergenti dai suddetti conti correnti costituivano legittimamente il fondamento di una presunzione legale”.
Gli Ermellini hanno infatti precisato che “la normativa in tema di accertamento consente all’amministrazione finanziaria di rettificare su basi presuntive la dichiarazione del contribuente utilizzando dati relativi ai movimenti su conti bancari con una presunzione legale di carattere relativo, essendo ammessa la prova liberatoria da parte del contribuente, a cui resta garantito il diritto di difesa, potendo egli far valere le sue ragioni in sede contenziosa a norma del D. Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546. art. 32, depositando documenti e memorie fino alla data di trattazione del ricorso in primo grado (…). E’ inoltre da aggiungere che, secondo la giurisprudenza di questa Corte, la legittimità della ricostruzione della base imponibile mediante l’utilizzo delle movimentazioni bancarie acquisite non è subordinata al contraddittorio con il contribuente, anticipato alla fase amministrativa, in quanto l’invito rivolto a quest’ultimo a fornire dati, notizie e chiarimenti in ordine alle operazioni annotate nei conti bancari, costituisce, infatti, una mera facoltà, da esercitarsi in piena discrezionalità, e non un obbligo, con la conseguenza che dal mancato esercizio di tale facoltà non deriva alcuna illegittimità della rettifica operata in base ai relativi accertamenti, né scade a presunzione semplice la presunzione legale posta, che consente di riferire i movimenti bancari all’attività svolta dal contribuente, gravando su quest’ultimo l’onere di fornire la prova contraria”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/08/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Biciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Gli eredi legittimi: chi sono e quale è la differenza con i legittimari
» Colpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
In evidenza oggi
Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanzaDdl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
L'ombra del dubbio: quando il caso limite mette in crisi il sistema giudiziarioL'ombra del dubbio: quando il caso limite mette in crisi il sistema giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF