Sei in: Home » Articoli

Coltivazioni di canapa "ad uso personale". Ancora incertezze.

Coltivare piante di canapa indiana ?per uso personale? potrebbe non costituire reato, ma ancora non tutti sembrano essere d?accordo nell?interpretazione della normativa vigente. In senso chiaramente favorevole è intervenuta una sentenza del Tribunale di Sanremo (n. 332/01) che ha assolto tre giovani imputati dall?accusa di aver allestito una piccola ?piantagione? domestica. La decisione è stata presa anche alla luce di una sentenza interpretativa della Corte Costituzionale (n.360 del 24.7.1995) chiaramente ispirata alla volontà di non criminalizzare il consumo. Il Tribunale di Sanremo ha sottolineato l?irrilevanza penale di quei comportamenti che sono immediatamente antecedenti al consumo stesso ed ha affermato che, pur essendo la coltivazione un fatto incriminabile a prescindere dalla destinazione ad uso personale, è sempre necessario identificare la nozione normativa di ?coltivazione?. Nel caso esaminato dal Tribunale di Sanremo si è evidenziato che ?La condotta modesta e rudimentale di coltivazione domestica di qualche piantina, idonea a produrre quantitativi scarsamente apprezzabili di sostanza stupefacente [?] si colloca al di fuori della nozione normativa di coltivazione, anche se, naturalisticamente, costituisce pur sempre coltivazione?. Si tratta naturalmente di una decisione che, al momento, non trova riscontro unanime in sede giurisprudenziale ma è pur sempre un segnale di un progressivo abbandono di atteggiamenti proibizionisti.
Sarebbe dunque auspicabile un intervento legislativo che faccia definitivamente chiarezza in merito.
Il testo della sentenza
(28/12/2001 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF