Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: non c'Ŕ contrasto di giurisprudenza in materia di condominio e solidarietÓ passiva

L'ufficio stampa della Corte di Cassazione ha precisato che "Non sussiste alcun contrasto di giurisprudenza tra le sentenze della Corte di Cassazione - Sezione Seconda Civile n.14813/08 e Sezioni Unite n.9148/08, contrariamente a quanto evidenziato da alcuni organi di stampa ('Il Sole 24ore' e 'Norme e Tributi')". Nella nota si spiega che "Le fattispecie esaminate dalle due sentenze sono diverse. La prima riguarda la solidarieta' passiva tra comproprietari di un appartamento sito in un condominio, solidarieta' che sussiste; la seconda riguarda la supposta solidarieta' passiva tra condominio e condomini per spese condominiali, solidarieta' che non sussiste, in quanto i condomini rispondono sempre pro quota". Le Sezioni Unite, si spiega nella nota, hanno affernato in questo caso che "venendo spesso la solidarieta' ad essere la 'configurazione ex lege, nei rapporti esterni, di una obbligazione intrinsecamente parziaria, in difetto di configurazione normativa dell'obbligazione come solidale (e nessuna norma di legge espressamente dispone che il criterio della solidarieta' si applichi alle obbligazioni dei condomini) e, contemporaneamente, in presenza di una obbligazione comune, ma naturalisticamente, divisibile (come lo e' una somma di denaro) viene meno uno dei requisiti della solidarieta' e la struttura parziaria della obbligazione prevale'".
(28/06/2008 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietÓ post-coniugale
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
» Avvocati: polizze assicurative da adeguare entro l'11 ottobre
In evidenza oggi
Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metriCiclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospettoMulta di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF