Sei in: Home » Articoli

Scuola: recupero debiti scolastici e scrutini finali

Il Ministero dell'Istruzione Università e Ricerca, lo scorso 4 giugno ha inviato alle scuole superiori di tutta Italia una circolare relativa all'attività di recupero dei debiti scolastici, da parte degli studenti che presentino insufficienze in una o più discipline, e agli scrutini finali.
Nel provvedimento il Ministro, pur prendendo atto delle carenze del sistema, ha osservato che, almeno per questo anno scolastico appena terminato, non è più possibile modificare tale impianto.
Sono comunque state previste alcune misure che avranno immediata efficacia.
In primo luogo, per l'organizzazione dei corsi di recupero sono stanziati 57 milioni di euro (oltre ai 197 milioni già previsti nel fondo d'istituto), ogni scuola organizzerà in piena autonomia le modalità di recupero (consistenza oraria dei corsi, modelli di intervento ecc.), i debiti scolastici devono essere recuperati entro il 31 agosto 2008. Nella circolare è stato inoltre previsto che in tutte le iniziative di recupero e la loro valutazione debbono concludersi entro la data di inizio delle lezioni. Ciò consentirà a tutti gli studenti di iniziare l'anno scolastico senza l'handicap di debiti da recuperare, sicché ai docenti sarà possibile svolgere in maniera uniforme il programma relativo al nuovo anno.
(15/06/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il contratto di locazione - contenuto e forma. Con fac-simile
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
» Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
» Auto: dal 2018 con il documento unico per chi non paga il bollo radiazione sicura
In evidenza oggi
Avvocati: la segretezza della corrispondenza tra colleghi prevale anche sul diritto di difesaAvvocati: la segretezza della corrispondenza tra colleghi prevale anche sul diritto di difesa
Divorzio: assegno solo a chi guadagna meno di mille euro al meseDivorzio: assegno solo a chi guadagna meno di mille euro al mese
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF