Sei in: Home » Articoli

Offensivo accusare la maestra di usare un metodo didattico di stampo hitleriano

La Corte di Cassazione ha annullato, con la sentenza del 21 gennaio 2008 n° 3131, sez. V penale, la condanna di un'insegnante del Torinese che aveva risposto con parole un po' vivaci alla mamma di una sua alunna, che davanti al preside della scuola, l'accusava di essere troppo severa, ovvero di utilizzare un metodo didattico di stampo “hitleriano”. La Suprema Corte ha ritenuto legittima la reazione verbale della maestra in quanto la mamma dell'alunna aveva attribuito alla maestra “criteri formativi inappropriati e non convenienti, adoperando l'epiteto hitleriano per qualificare il comportamento professionale dell'insegnante”, non può pertanto, non considerarsi fatto ingiusto, per le modalità con cui era stato realizzato, aveva la potenzialità di suscitare un giustificato turbamento nell'animo del docente...
Cassazione, sez.V penale, sentenza del 21.01.2008 n° 3131 - Cesira Cruciani
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/03/2008 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF