Sei in: Home » Articoli

Cassazione: extracomunitario è gay? No al rimpatrio se nel suo Paese è perseguitato

La Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 2907/08) ha stabilito che se nel Paese di residenza dello straniero, l'omosessualità è penalmente sanzionata, l'extracomunitario non può essere rimpatriato.
Gli Ermellini hanno però precisato che il rischio della persecuzione (che esclude il rimpatrio nel Paese di residenza del cittadino extracomunitario), non deve essere valutato automaticamente ma in base a dei principi che portino a rendere "assolutamente inesigibile l'ottemperanza all'ordine del Questore".
In particolare, osservano i Giudici, occorre verificare che lo straniero possa far ritorno soltanto in quel Paese e che, "alla stregua della previsione del codice penale di detto Paese sia penalmente sanzionata proprio l'omosessualità come pratica personale e non soltanto manifestazione esteriore di 'impudicizia sessuale'".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/01/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF