Sei in: Home » Articoli

Trasferiti alle Azienda Sanitarie gli Psicologi delle equipes

Lo psicologo nelle Aziende Sanitarie Provinciali (ASP) non è più un problema. Dopo anni di attesa, la Giunta Regionale della Calabria ha approvato il trasferimento degli Psicologi delle equipes socio psico pedagogiche, da sempre impegnati nell'integrazione scolastica, alle Aziende Sanitarie Provinciali. Ad usufruire di queste prestazioni non saranno più solo le scuole ma anche tutti coloro vorranno un'attenta e puntuale consulenza psicologica, orientata ai nuovi bisogni e alle nuove realtà. Un provvedimento, questo, che rappresenta una risposta al crescente aumento di domanda verificatosi negli ultimi anni e garantisce un aumento dell'organico, oltre che un'adeguata attenzione ai reali obiettivi di salute della popolazione.
La stagione di profonda incertezza che pesa sul futuro del sistema sanitario, appesantita dal blocco delle assunzioni, trova così una svolta in questa deliberazione, voluta dagli psicologi e dall'Associazione Unitaria Psicologi Italiani (AUPI), sostenuta dalla Giunta Regionale, su proposta del Presidente Agazio Loiero e dell'assessore regionale al personale, Pasquale Tripodi, d'intesa con il vice presidente Nicola Adamo e grazie alla disponibilità dell'assessore alla salute, Doris Lo Moro. "Soddisfatti per il risultato ottenuto - affermano Armodio Lombardo Presidente dell'Ordine della Calabria e Mario Sellini Segretario Generale dell'AUPI - ci riterremo pienamente appagati quando sarà completato l'elenco nominativo e verrà definitivamente riconosciuta la qualifica di Dirigenti agli Psicologi trasferiti alle ASP".
(30/11/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF