Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la testimonianza della suocera? Ha valore per i processi di maltrattamenti

La Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 15187/2006) ha precisato che nei procedimenti penali aventi ad oggetto maltrattamenti in famiglia, deve ritenersi ammissibile anche la testimonianza della suocera. I Giudici del Palazzaccio, hanno infatti ritenuto che la testimonianza di una persona legata da uno stretto grado di parentela, come la suocera, può ritenersi senza dubbio attendibile e di sicuro valore probatorio. Con questa decisione la Corte ha confermato la condanna per il reato di maltrattamenti inflitta nei confronti di un uomo reo di aver tenuto diversi comportamenti illeciti, dai maltrattamenti dall'ingiuria alla falsificazione della firma su assegni bancari.
Leggi la motivazione della sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/08/2006 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debitoEquitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF