Sei in: Home » Articoli

Personale garante delle comunicazioni: le controversie al giudice amministrativo

Secondo quanto affermato di recente da Sezioni Unite (sent. 23 agosto 2004, n. 16556) - il fatto che il d.lgs. n. 80 del 1998 all'art. 2, comma 2 (riprodotto poi nell'art. 3 t.u. n. 151 del 2001) non prevede espressamente i rapporti dei dipendenti dell'Autorità ricorrente tra quelli sottratti alla giurisdizione ordinaria (come i rapporti dei dipendenti della Banca d'Italia, dell'Ufficio italiano dei cambi, della Commissione nazionale per la società e la borsa - Consob, nonché dell' Autorità per la tutela della concorrenza e del mercato - Antitrust ecc.) non è di per sé decisivo per fondare la giurisdizione ordinaria sulle controversie relative ai rapporti in questione: il citato d.lgs. n. 80 del 1998 attuava la delega contenuta nella l. 15 marzo 1997, n. 59, concepita in epoca in cui l'Autorità delle comunicazioni non era stata ancora istituita (la l. n. 249 è del 31 luglio 1997); che l'art. 1, comma 26 di quest'ultima legge disponendo testualmente che i ricorsi avverso i provvedimenti di detta Autorità rientrano nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo, si pone chiaramente come norma speciale, oltre che derogatoria rispetto alla più generale opzione legislativa - sottesa alla riforma del pubblico impiego - a favore della giurisdizione ordinaria (conf. Cons. Stato, 20 giugno 2003, n. 3693); LaPrevidenza.it, 29/09/2005
Cassazione, sez. unite civili, ordinanza 23 giugno 2005, n° 13446
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/11/2005 - www.laprevidenza.it)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF