Ricorso in Cassazione: se notificato via posta ma non viene depositato l'avviso di ricevimento, l'atto è inesistente e non solamente nullo

La conseguenza della mancata produzione dell'avviso di ricevimento, in caso di notifica a mezzo posta del ricorso in Cassazione, è l'inesistenza non la nullità
Mano che consegna busta

di Marina Crisafi - Se la notifica del ricorso per Cassazione viene effettuata a mezzo posta, la mancanza dell'avviso di ricevimento causa la ben più grave conseguenza dell'inesistenza e non la mera nullità dell'atto, oltre all'inammissibilità del ricorso.

Lo ha stabilito la Suprema Corte nella recente sentenza n. 8865/2015, dichiarando inammissibile il ricorso del Ministero dell'Economia e delle Finanze avverso la decisione della Corte d'Appello di L'Aquila che lo aveva condannato a pagare un risarcimento di quasi tremila euro per l'eccessiva durata di un procedimento.

Rilevato che il ricorso era stato notificato a mezzo posta, e che l'avviso di ricevimento del plico postale non risultava mai depositato, né in allegato al ricorso né in cancelleria, per la sesta sezione è da ritenersi non provata l'avvenuta ricezione dell'atto ad opera della controparte.

Anche se con la consegna dell'atto all'ufficiale giudiziario si danno per verificati gli effetti interruttivi, ha affermato infatti la S.C., la notifica tramite servizio postale “non si esaurisce con la spedizione dell'atto ma si perfeziona con la consegna del plico al destinatario, e l'avviso di ricevimento prescritto dall'art. 149 c.p.c. e dalle disposizioni della legge n. 890/82 è il solo documento idoneo a dimostrare sia l'intervenuta consegna che la data di essa e l'identità e idoneità della persona a mani della quale è stata eseguita”. 
Conseguentemente, la mancata produzione dell'avviso comporta l'inesistenza dell'atto, l'impossibilità di disporre la rinnovazione ai sensi dell'art. 291 c.p.c. e l'inammissibilità del ricorso, “in quanto non può accertarsi l'effettiva e valida costituzione del contraddittorio, anche se risulta provata la tempestività della proposta impugnazione”.

Per cui, ha concluso la Corte, atteso che il Mef non ha provato alcun impedimento alla produzione della cartolina, rimanendo del tutto inerte e che “il principio della ragionevole durata del processo impone al giudice una lettura delle norme processuali orientata alla rapida definizione del giudizio”, il ricorso va dichiarato inammissibile. 

(11/05/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF