Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Limiti all'applicabilità dell'istituto della c.d. "presupposizione" per sciogliersi da un vincolo contrattuale

Vicenda relativa al pagamento di un corso di inglese di cui non si è potuto usufruire
penna accordo scrive contratto notaio
di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione sesta, sentenza n. 8867 del 4 Maggio 2015. 

Quando un evento imprevedibile può considerarsi tale da consentire a una parte di liberarsi dagli impegni contrattuali? 

Nel caso di specie il partecipante a un corso di inglese in aula, a seguito dell'improvviso ammalarsi della figlia (poi deceduta per leucemia), pur avendo versato un acconto non aveva poi voluto saldare adducendo di non aver potuto usufruire del corso di inglese per le gravi condizioni di salute della propria figlia minorenne che si era ammalata di leucemia acuta.

Inizialmente il giudice di pace aveva respinto la domanda della società che chiedeva il pagamento degli importi dovuti per il corso, mentre importi delle elezioni. Il verdetto veniva però ribaltato in sede d'appello

Nel merito il giudice ha ritenuto che l'evento in questione non avrebbe potuto generare effettiva impossibilità di fruizione della prestazione. Piuttosto vi è stato un “sopravvenuto disinteresse, un disagio psicologico e difficoltà di apprendimento”. 

In particolare l'interessato non avrebbe eccepito a sua difesa la sopravvenienza di un vero e proprio squilibrio psicolofisico personale quanto si sarebbe limitato a evidenziare la condizione della figlia. 

Avverso tale sentenza l'interessato propone ricorso in Cassazione.

Condizione essenziale per pretendere la prestazione, da entrambe le parti, è la conservazione di un equilibrio sinallagmatico

La Suprema corte in sentenza esclude da un lato la possibilità di invocare una impossibilità sopravvenuta della prestazione, dall'altro chiarisce il concetto e la portata dell'istituto della presupposizione spiegando che: “la presupposizione è configurabile quando, da un lato, un'obiettiva situazione di fatto o di diritto (passata, presente o futura) possa ritenersi che sia stata tenuta presente dai contraenti nella formazione del loro consenso (…) come presupposto condizionante la validità e l'efficacia del negozio e, dall'altro, il venir meno o il verificarsi della situazione stessa sia del tutto indipendente dall'attività e volontà dei contraenti e non corrisponda, integrandolo, all'oggetto di una specifica obbligazione dell'uno e dell'altro”. 

Non integrando il caso di specie tale situazione, dato che l'evento che ha colpito la figlia  non ha correlazione con il corso di lingue che doveva seguire il genitore, il ricorso viene rigettato.

Qui di seguito il testo integrale della sentenza.

Vai al testo della sentenza 8867/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/05/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF