Sei in: Home » Articoli

Addebito separazione: violenze e tradimenti troppo "vecchi" per il giudice? Il processo è da rifare

La Cassazione bacchetta i giudici di merito sull'addebito della separazione. Sentenza troppo generica e superficiale
violenza donne separazione divorzio lite litigano maltrattamenti

di Marina Crisafi – Violenze e tradimenti, per i giudici di merito, sono troppo “lontani” nel tempo per incidere sulla causa della crisi coniugale. Così, rigettano la domanda di addebito della separazione avanzata da una donna nei confronti dell'ex marito. Ma la Cassazione rimette tutto in discussione, bacchettando la Corte d'Appello di Napoli per avere ritenuto che non vi fosse prova del nesso di causalità tra i comportamenti dell'ex consorte e l'intollerabilità della convivenza.

Per i giudici del Palazzaccio, infatti (ordinanza n. 7814 del 16 aprile 2015), la donna ha indicato adeguatamente i fatti, fornendo argomentazioni specifiche e rispettando il principio dell'autosufficienza, nell'evidenziare episodi gravi (come violenze e relazione extramatrimoniale del marito, peraltro assai recente), indicandoli come causa della crisi coniugale.

Carente e inadeguata, per gli Ermellini, la decisione anche sotto il profilo della determinazione dell'assegno per la moglie e del contributo per il mantenimento delle figlie, compiuto trascurando qualsiasi analisi delle condizioni economiche dei coniugi.

In conclusione, il processo è da rifare.

L'esame troppo frettoloso e “del tutto generico”, infatti, spinge la S.C. a cassare la sentenza con rinvio ad altro giudice affinché venga svolta l'opportuna istruttoria.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/04/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF