Sei in: Home » Articoli

La Cassazione contro il redditometro. Nullo l'accertamento sintetico basato sui beni di lusso intestati al coniuge

Secondo la Corte è sempre possibile per il contribuente dimostrare di avere dei risparmi o di aver disinvestito denaro
Soldi con sopra una lente di ingrandimento
La Cassazione ha detto stop all'uso troppo disinvolto del redditometro da parte del fisco. E con la sentenza n.7339 del 10 aprile 2015 (qui sotto allegata) ha respinto un ricorso dell'Agenzia delle Entrate affermando che è nullo l'accertamento sintetico che si basa su un rilievo che al coniuge di un contribuente che dichiara troppo poco, sono stati intestati immobili e auto di lusso.

Secondo la Cassazione, il contribuente può superare la presunzione con cui gli si attribuisce un maggior reddito per il fatto di aver speso molto, semplicemente dimostrando di avere dei risparmi o di aver disinvestito del denaro.

Del resto l'accertamento sintetico consente al fisco di determinare in base a determinati elementi di fatto quello che potrebbe essere il reddito complessivo netto nel del contribuente ma deve pur sempre riconoscersi l'ammissibilità di una prova contraria diretta a dimostrare la compatibilità tra il tenore di vita e il reddito dichiarato.

Come spiega la Corte, va considerato che "i destinatari dell'accertamento sintetico sono - per definizione - soggetti non obbligati alla tenuta delle scritture contabili, sicché ad essi non si può estendere la logica che presiede agli accertamenti fondati sui riscontri con i conti correnti bancari (tante operazioni, altrettanti riscontri documentali ci devono essere circa la provenienza o la destinazione) e non li si può gravare di fornire la puntuale dimostrazione della correlazione causale tra il loro tenore di vita e la disponibilità di risorse prive di rilevanza fiscale".

Cassazione testo sentenza 7339 del 10 aprile 2015
(12/04/2015 - N.R.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF