TAR BOLOGNA n. 118/2015 - Rivolta di un quartiere per il frastuono dei 'dehors' e i giudici amministrativi danno ragione ai residenti (di Ciro Centore)

Così il Tar Bologna ha dato ragione ai residenti bolognesi... che ce l'avevano con i dehors
arrabbiata rumori immissioni

di Paolo M. Storani - Il frastuono nelle ore notturne è l'argomento-pretesto prescelto stavolta dal nostro fedele amico Prof. Ciro Centore per illustrare un altro aspetto del diritto amministrativo.

E così il Tar Bologna ha dato ragione ai residenti bolognesi... che ce l'avevano con i dehors.

Con tale francesismo, che ha fatto prepotentemente irruzione nella nostra lingua, si indica la parte esterna (dall'avverbio "fuori") di un edificio o di un locale pubblico.

Buona lettura ed un ringraziamento al Collega Ciro per il nuovo contributo!


Prof. Avv. Ciro Centore - Si sono organizzati in Associazione e in Comitato i cittadini del Quartiere “Via Petrone e dintorni”, per protestare, anche ricorrendo al Tribunale Amministrativo, in rapporto al “frastuono” che interviene fino all'una di notte e che impedisce serenità e “sonno”.

Tutti svegli perché, sotto casa, sono sempre più i permessi rilasciati per una “ristorazione” all'aperto, a mezzo di quelle strutture che occupano marciapiedi e strade, qualificate, dagli architetti ed urbanisti come “dehors”, ovvero manufatti che si allungano rispetto al bar o alla rosticceria o alla pasticceria già autorizzata nell'ambito dei tradizionali esercizi di strade e piazze.

Oramai c'è una occupazione massiccia e spropositata, sul suolo pubblico, di questi “dehors”.

E non soltanto a Bologna.

Nulla di particolare acché, nell'ambito della cosiddetta liberalizzazione, ci siano, purché venga rispettato un doppio criterio, quale è quello di evitare sempre più il restringimento delle aree pubbliche, già, per ragioni di cassa, ampiamente ristrette per parcheggi a pagamento e purché venga rispettata la esigenza di “riposo” di chi abita nelle immediata vicinanze, quartiere, rione o singolo fabbricato.

Anche Bologna soffre, e il caso di dirlo, del frastuono da “dehors”.

Di sera, giovani e meno giovani, sostano, chiacchierano, rumoreggiano, allegramente all'aperto, in questi “casotti”, detti dehors, per un semplice drink e per “chiacchierare o chiattare” ad alta voce.

Se interviene poi qualche gruppo musicale o qualche solista , peggio ancora.

Fino ad ora tarda e superata la mezzanotte, avventori “bohemiens” o non danno luogo a veri e propri spettacoli musicali.

Di qui le proteste che si vanno estendendo un po' dappertutto.

A Bologna, come dicevamo, la protesta è stata portata innanzi al Tribunale Amministrativo.

Ci si è lamentati, da parte di associazioni e cittadini, della violazione dei regolamenti municipali e, comunque, del fatto secondo cui l'Amministrazione, nel rilascio di queste autorizzazioni commerciali, deve tener conto delle esigenze della “gente”, rapportate alla tranquillità e alla salvaguardia del sonno.

Il TAR, con la sentenza n.118/2015, recentissima, della Sez.II (Mozzarelli, Presidente, Giovannini, Relatore, Fina Consigliere) ha dato ragione a questa Associazione Via Petrone e dintorni) e ai vari altri cittadini che hanno partecipato al giudizio. E hanno contestato, naturalmente, le autorizzazioni rilasciate ai vari esercenti.

Autore: Prof. Avv. Ciro Centore

(30/03/2015 - Law In Action - di P. Storani)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF