Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il tenore di vita si desume anche dai passatempi costosi. Si all'aumento del mantenimento alla ex

L'ex marito era dedito a passatempi costosi, tra cui caccia e guida di auto potenti
uomo e donna che litigano
Secondo una giurisprudenza ampiamente consolidata, l'assegno per il coniuge deve tendere al mantenimento dello stesso tenore di vita da questo goduto durante il periodo di convivenza matrimoniale: l'indice di tale tenore di vita può essere rappresentato dall'attuale disparità di posizioni economiche ravvisata tra i coniugi. 
Tenuto conto di questo presupposto, la Corte di Cassazione, sez. VI Civile, con ordinanza n. 2574 del 10 febbraio 2015, in merito ad un procedimento di divorzio in cui la Corte d'Appello di Trento aveva riformato la sentenza di primo grado, elevando l'assegno da corrispondere alla moglie ad euro 700,00 mensili, ha rigettato il ricorso del marito basato su profili e situazioni di fatto, non suscettibili di controllo in Cassazione. 

Nel caso in questione, non potendo procedere ad una nuova ed autonoma valutazione dell'entità e dei presupposti dell'assegno, la Suprema Corte, verificando in che misura le circostanze sopravvenute abbiano alterato l'equilibrio raggiunto, ha rilevato una disparità di posizioni economiche a favore del marito, a fronte delle non buone condizioni di salute della moglie, lavoratrice saltuaria legata a produzioni stagionali e della buona salute del marito, operante in un'affermata impresa edile, dedito a passatempi costosi, tra cui caccia e guida di auto potenti, proprietario di casa e titolare di un patrimonio immobiliare assai più consistente di quello della moglie. 

Sulla base di dati reali e non di presunzioni, aspettative o potenzialità economiche, la Cassazione ha confermato quanto stabilito dalla Corte d'Appello.
Cassazione Civile, testo ordinanza 10 febbraio 2015, n. 2574
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/02/2015 - G.C.)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Biciclette: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Gli eredi legittimi: chi sono e quale è la differenza con i legittimari
» Colpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
In evidenza oggi
Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanzaDdl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
L'ombra del dubbio: quando il caso limite mette in crisi il sistema giudiziarioL'ombra del dubbio: quando il caso limite mette in crisi il sistema giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF