Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: non è reato dare dell'incompetente all'amministratore di condominio

Se la parola pronunciata nel contesto di un'assemblea condominiale Può considerarsi espressione del diritto di critica
mediazione lite
Si può dare dell'incompetente all'amministratore di condominio senza per questo commettere reato.
A sdoganare un termine, che generalmente viene percepito come offensivo, è la quinta sezione penale della Corte di Cassazione (sentenza numero 5633 del 5 febbraio 2015) che ha annullato senza rinvio una decisione con cui i giudici di merito avevano condannato una condomina per il reato di cui all'articolo 594 del codice penale (reato di ingiuria). La donna, infatti, nel corso di un'assemblea condominiale si era rivolta all'amministratore apostrofandolo con l'epiteto di "incompetente".

La donna era stata condannata anche al risarcimento danni in favore della parte civile costituita.

Il caso finiva dinanzi alla Corte di Cassazione dove l'imputata faceva notare come la parola "incompetente" era stata profferita nel contesto di una discussione assembleare dove si criticava legittimamente l'operato dell'amministratore.

Una tesi questa che ha fatto breccia nei giudici della suprema Corte secondo cui è proprio il contesto della discussione condominiale in cui la parola è stata pronunciata a rendere lecito l'epiteto.

Come si legge nel testo della sentenza qui sotto allegato nella fattispecie può ravvisarsi l'esercizio "di un legittimo diritto di critica nei confronti dell'amministratore, con riguardo alle modalità della gestione del condominio da parte dello stesso".

Il termine, continua la Corte, "non trascende di per sé i limiti di tale esercizio", non investendo la persona dell'amministratore in quanto tale ma limitando la critica agli atti da lui compiuti "nel compimento del proprio incarico". 
Cassazione Penale, testo sentenza 5 febbraio 2015, n. 5633
(09/02/2015 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF