Cassazione: chiarimenti sui requisiti per ottenere il beneficio fiscale sulla prima casa

Corte di Cassazione civile, sezione tributaria, sentenza n. 1988 del 4 Febbraio 2015
tasse evasione commercialista fisco elusione
di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione tributaria, sentenza n. 1988 del 4 Febbraio 2015. Quali sono i requisiti richiesti dalla legge per ottenere il beneficio fiscale sulla prima casa

Nel caso di specie uno dei coniugi procede all'acquisto, dunque al rogito, di un immobile adibito a prima casa in regime di comunione legale dei beni; veniva quindi revocata metà dell'agevolazione prevista, con conseguente reazione legale degli interessati. Il giudice del merito aveva tuttavia rigettato la domanda affermando la necessità che le dichiarazioni previste dalla legge sarebbero dovute essere state rese da entrambi i coniugi, “e che eventuali omissioni potevano essere integrate mediante atto redatto con le stesse formalità di quello precedente, entro il termine di decadenza”.

La Suprema ricorda quali siano i requisiti prescritti dal Dpr 131/1986, e cioè che “per il godimento delle agevolazioni fiscali c.d. prima casa occorre che l'acquirente dichiari in seno all'atto di acquisto di non essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune in cui è situato l'immobile da acquistare”; e che “la circostanza che l'acquisto si attui per effetto del regime della comunione legale non costituisce, in assenza di specifiche disposizioni in tal senso, eccezione alla regola anzidetta”. Non importa quindi il regime patrimoniale scelto dai coniugi; la dichiarazione deve essere resa da entrambi o, in ogni caso, la dichiarazione del coniuge mancante deve essere integrata a mezzo atto pubblico. Il ricorso è rigettato.

Vai al testo della sentenza 1988/2015
(17/02/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF