Sei in: Home » Articoli

Cassazione: incandidabilità degli amministratori a seguito dell'accertamento di infiltrazioni di stampo mafioso negli enti locali

Sezioni Unite, sent. n. 1747/2015 - Incandidabilli gli amministratori responsabili delle condotte che hanno portato allo scioglimento del Consiglio comunale
martello da giudice

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile a sezioni unite, sentenza n. 1747 del 30 Gennaio 2015. Il caso di specie offre diversi spunti di riflessione. Esso riguarda la posizione del ricorrente, amministratore comunale, il quale ricorre avverso il provvedimento di incandidabilità che lo ha colpito a seguito di scioglimento del Consiglio comunale, di cui faceva parte, a causa di infiltrazioni di tipo mafioso

Come noto l'art. 143 del TUEL (d. lgs. 267/2000) prevede lo scioglimento dei Consigli comunali e provinciali come conseguenza all'accertamento di fenomeni di infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso o similare; dunque, quando emergono chiari indizi di collegamento tra gli enti pubblici e organizzazioni criminali di questo genere. 

Lo stesso articolo prevede che il relativo provvedimento di scioglimento sia adottato con Decreto del Presidente della repubblica, su proposta del Ministro dell'Interno (il quale indica le anomalie riscontrate e i provvedimenti da adottare al fine di eliminare nel breve periodo tutti gli effetti gravi e pregiudizievoli al normale funzionamento dell'ente pubblico), previa deliberazione del Consiglio dei Ministri; e che gli amministratori locali siano colpiti dalla sanzione dell'incandidabilità temporanea e territorialmente limitata.

Tale misura è “volta a rimediare al rischio che quanti abbiano cagionato il grave dissesto possano aspirare a ricoprire cariche identiche o simili a quelle rivestite”. Il procedimento volto alla pronuncia di incandidabilità è rivolto a tutti quei soggetti che hanno contribuito, direttamente o indirettamente, a dette infiltrazioni. Dopo aver svolto i relativi accertamenti, stabilite le regole di cui sopra, la Suprema corte ha rigettato il ricorso

In buona sostanza debbono considerarsi incandidabili non solo alle elezioni comunali ma anche alle elezioni provinciali e regionali quegli amministratori che si sono resi responsabili delle condotte che hanno portato allo scioglimento del consiglio comunale.

Data l'estrema sintesi della vicenda qui proposta, si rimanda per maggiori dettagli alla lettura integrale della sentenza qui sotto allegata.

Vai al testo della sentenza 1747/2015
(07/02/2015 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Addio ai voucher, arriva il lavoro breve e intermittente liberalizzato
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Caduta per la strada: quando si può parlare di insidia
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
» Asili nido: al via il bonus di mille euro
In evidenza oggi
Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuitiAvvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
ANAC e Codice Appalti: con un blitz il Governo ridimensiona i poteri anti-corruzione di Raffaele CantoneANAC e Codice Appalti: con un blitz il Governo ridimensiona i poteri anti-corruzione di Raffaele Cantone
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF