Sei in: Home » Articoli

Lui gode di un ingente patrimonio? L'assegno per la ex deve garantire un tenore di vita di notevole spessore a partire dalla data della domanda.

Una volta accertata giudizialmente la disponibilità economica del marito l'assegno per la ex va riconosciuto con decorrenza dalla data della domanda
ricca povero

L'assegno divorzile compete al coniuge che sia privo di mezzi, tali da potergli permettere il mantenimento di un tenore di vita analogo a quello tenuto, durante la vita matrimoniale. E se questo tenore era di notevole spessore, a fronte di una disponibilità economica ingente del marito, acclarata dalle indagini della polizia tributaria, la moglie ha diritto all'assegno sin dalla data della domanda.

Così ha stabilito la Corte di Cassazione, con ordinanza n. 1264 del 26 gennaio 2015, confermando il provvedimento della Corte d'Appello di Reggio Calabria che disponeva, a carico del marito, il mantenimento per l'ex moglie e i due figli, non autosufficienti economicamente, prevedendo che l'assegno divorzile decorresse dalla data della domanda della donna.

Irrilevanti le doglianze dell'uomo che sosteneva che l'elevato tenore di vita della famiglia durante la convivenza matrimoniale e la separazione fosse da ascrivere esclusivamente agli aiuti economici del padre dello stesso, nel frattempo deceduto, e che gli ingenti movimenti di denaro sui suoi conti correnti, formalmente intestati ad una società terza, fossero meri errori materiali di battitura.

Affermazioni smentite, hanno affermato i giudici del Palazzaccio, ritenendo corrette le motivazioni della corte territoriale, dalle indagini della polizia tributaria che avevano evidenziato le ingenti disponibilità patrimoniali, di cui il marito già godeva nei primi anni '90 (prima della separazione), tanto da aver costituito (con donazione miliardaria del padre e altro rilevantissimo conferimento) una società di capitali.

Non hanno dubbi pertanto i giudici della S.C. sulla valutazione congrua e non censurabile della corte territoriale, nel liquidare, a fronte di tali considerazioni e delle (per contro) modestissime disponibilità patrimoniali della moglie, l'assegno di mantenimento in suo favore.

Quanto alla decorrenza dell'assegno, com'è noto, ha concluso la Cassazione rigettando il ricorso, “l'art. 4, comma 13, l. 898/1970, nel consentire la decorrenza dell'assegno divorzile dalla domanda, conferisce al giudice un potere discrezionale” che, nel caso di specie, tenuto conto della notevolissima disparità di condizioni economiche tra i due coniugi, non può che essere condiviso. 

Cassazione Civile, testo ordinanza 26 gennaio 2015, n. 1264
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/01/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF