Diritto di Famiglia

Cassazione: il coniuge del lavoratore che ha contratto patologia può chiedere il risarcimento del danno per la lesione del diritto ad avere regolari rapporti sessuali

Nel corso del giudizio va però dimostrato il nesso causale tra la patologia e l'attività lavorativa esercitata, non essendo sufficiente la prova di una mera possibilità di aver contratto la malattia
giudice sentenza martello

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza n. 467 del 14 Gennaio 2015. 

Se il coniuge, a causa dell'attività lavorativa esercitata, contrae patologia che di fatto gli inibisce di avere regolari rapporti sessuali, il marito o la moglie hanno diritto a richiedere il relativo risarcimento del danno

Ma se questo è il principio generale, nel corso del giudizio va dimostrato il nesso causale tra la patologia e l'attività lavorativa esercitata, non essendo sufficiente la prova di una mera possibilità di aver contratto la malattia.

Il ricorrente aveva lamentato che i giudici d'appello non avevano considerato che le prove testimoniali avevano confermato l'esposizione del lavoratore ad agenti patogeni.

Secondo la Cassazione però la corte territoriale ha correttamente valorizzato il fatto che le testimonianze hanno confermato la non continuità della vicinanza del lavoratore agli agenti patogeni.

La corte d'appello, spiegano i giudici di Piazza Cavour, ha correttamente applicato Principi di diritto affermati già da questa stessa corte secondo cui "in tema di malattie ed eziologia plurifattoriali, la prova della causa di lavoro o della speciale nocività dell'ambiente di lavoro" deve essere valutata "in termini di ragionevole certezza".

Non basta dunque una mera possibilità dell'origine professionale.  Occorre piuttosto che sussista un rilevante grado di probabilità.

Ancora una volta la Corte ricorda che, quando chiamata a ripetere valutazioni che riguardano i fatti di causa, la Cassazione, in quanto giudice del merito, deve limitarsi a conoscere degli elementi fattuali tramite un sindacato indiretto sulla motivazione: se essa resiste al vaglio di logicità e ragionevolezza, allora la decisione del giudice del merito risulta esente da vizi, circostanza verificatisi nel caso di specie. 

Vai al testo della sentenza 467/2015
(17/01/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF