Sei in: Home » Articoli

Omicidio colposo: va assolto chi ha compiuto manovre inadeguate per salvare dal soffocamento

Assolto il figlio che voleva salvare il padre dal soffocamento (per ingestione di cibo) con un compressore
giudice sentenza martello cassazione

Non voleva assistere inerte alla morte del padre per soffocamento determinato dall'ingestione di cibo, così dopo aver tentato manovre respiratorie manuali e la respirazione bocca a bocca, il figlio per "liberarlo" ricorreva all'uso di un compressore, causandogli ovviamente lesioni letali per lo scoppio dello stomaco a seguito di insufflazione d'aria e finendo sotto accusa per omicidio colposo.

L'assurda vicenda aveva portato alla pronuncia del non luogo a procedere dichiarato dal GUP del Tribunale di Benevento. Il caso poi approdava in Cassazione tramite ricorso del Procuratore della Repubblica, secondo il quale, pur avendo l'indagato agito sotto lo stato di necessità, conoscendo le caratteristiche del compressore per averlo utilizzato per le pulizie domestiche, aveva ecceduto nell'utilizzo di un mezzo inadeguato e pericoloso e, pertanto, non poteva superarsi la ritenuta colpevolezza.

Secondo la Cassazione, invece, il figlio va assolto. Con sentenza n. 53070 del 19 dicembre 2014, infatti, la quarta sezione penale della S.C. ha riconosciuto la sussistenza dello stato di necessità che aveva portato all'inverosimile azione da parte dell'uomo, affermando che la semplice conoscenza dello strumento, che si asseriva essere la causa del decesso, non poteva valere a far giungere ad una soluzione differente da quella di assoluzione.

Cassazione Penale, testo sentenza 19 dicembre 2014, n. 53070
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/12/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF