Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il Consiglio dell'Ordine non può sanzionare l'avvocato per fatti avvenuti prima dell'iscrizione. Anche se è ancora in corso giudizio penale

Il chiarimento arriva dalle sezioni unite della Corte di Cassazione sentenza n. 25369 del 1 Dicembre 2014.
avvocato toga legge sentenza

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile a sezioni unite, sentenza n. 25369/2014. 

Il Consiglio dell'Ordine degli avvocati non può irrogare la sanzione della sospensione dall'esercizio della professione al praticante per un fatto penalmente rilevante e pendente in appello (dunque, secondo il COA, ancora “attuale”) se i fatti si riferiscono ad epoca anteriore all'iscrizione all'albo.

Il chiarimento arriva dalle Sezioni Unite della Cassazione che, nella parte motiva della sentenza, spiegano che "l'esercizio del potere da parte dei COA nei confronti degli avvocati trova il suo fondamento nell'esigenza di una tutela del prestigio dell'Ordine forense in presenza di comportamenti posti in esseere dai suddetti professionisti idonei a screditarne l'autorevolezza e la credibilità”. 

Il fine ultimo resta quindi quello di garantire che gli iscritti si comportino secondo i canoni della della probità, della buona condotta e che siano conformi ai principi di deontologia professionale. Tutto ciò con la conseguente irrilevanza di quei comportamenti che, sebbene idonei a “determinare uno strepitus fori” proprio nel periodo durante il quale il professionista risulta iscritto all'albo, “sono ininfluenti ai fini disciplinari in quanto antecedenti alla iscrizione all'albonon comportando dunque elementi utili a fondare l'azione disciplinare. 

Per tutti questi motivi il ricorso è accolto e la sentenza decisa direttamente nel merito; osservando che le Sezioni unite procedono comunque alla compensazione delle spese data la natura stessa della controversia.

Vai al testo della sentenza 25369/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/12/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF