Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Non può essere dichiarata la prescrizione del reato se il ricorso per cassazione è inammissibile per manifesta infondatezza dei motivi

Irrilevante il fatto che il reato si sia prescritto già prima della sentenza d'appello e che i giudici di merito non abbiano rilevato la prescrizione
cassazione toga sentenza
Se il ricorso per Cassazione viene dichiarato inammissibile, è preclusa la possibilità di dichiarare prescritto il reato. Lo ricorda la Corte di Cassazione facendo notare come l'inammissibilità del ricorso dovuta alla manifesta infondatezza dei motivi "non consente il formarsi di un valido rapporto d'impugnazione e preclude, pertanto, la possibilità di rilevare e dichiarare le cause di non punibilità a norma dell'art. 129 del codice di procedura penale".

Poco importa che il reato si sia prescritto già prima della sentenza d'appello e che i giudici di merito non abbiano rilevato la prescrizione. 

Se il ricorso per Cassazione è inammissibile resta preclusa ogni possibilità "sia di far valere sia di rilevare di ufficio, ai sensi dell'art. 129 codice procedura penale, l'estinzione del reato per prescrizione, pur maturata in data anteriore alla pronunzia della sentenza di appello, ma non dedotta né rilevata da quel giudice".

E' stata così confermata una sentenza della Corte d'Appello di Napoli che aveva condannato una donna per truffa e tentata truffa per aver riscosso una pensione di guerra del marito anche dopo il suo decesso.

La donna, per mezzo del suo difensore,  si era rivolta alla suprema corte sostenendo che, in relazione al reato di tentata truffa, non poteva ipotizzarsi alcun reato perché il direttore dell'ufficio postale era stato messo al corrente della morte del marito e quindi sarebbe stato in condizioni di negare la corresponsione della pensione.

Secondo la Cassazione però la ricorrente ha ricorso a vari artifizi  per indurre in errore gli impiegati dell'ufficio postale e farsi consegnare indebitamente la pensione del marito.

Cassazione Penale Sentenza 31 ottobre 2014, n. 45114
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/11/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Niente stupro se la vittima dice basta ma non urla
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Negoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invitoNegoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invito
Se Equitalia sbaglia paga spese e danniSe Equitalia sbaglia paga spese e danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF