Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: sì alla pubblicità sugli autobus, purchè non sia “equivoca e suggestiva”

autobus id9857

Presto insieme ai resort di lusso, ai ristoranti tipici e alle creme superabbronzanti, pubblicizzati a caratteri cubitali sulle fiancate degli autobus in giro per le città italiane ci saranno anche gli studi legali.

Lo ha deciso il Consiglio Nazionale Forense, con parere n. 12 del 16 marzo 2014 pubblicato nei giorni scorsi sul sito, in risposta a un quesito posto dal Consiglio dell'ordine di Ancona.

Nulla vieta, infatti, secondo il CNF, che i legali si facciano pubblicità sui mezzi pubblici, ivi compresi gli autobus: né la legge professionale (n. 247/2012), né il codice deontologico stabiliscono limitazioni in tal senso.

Ma, attenzione, se è vero che la pubblicità è consentita dal codice deontologicocon qualunque mezzo, anche informatico”, e ribadita dalla nuova legge professionale (art. 10, 2° comma), l'informazione deve concentrarsi “sulla propria attività professionale, sull'organizzazione e struttura dello studio e sulle eventuali specializzazioni e titoli scientifici e professionali posseduti” (art. 10, 1° comma), nonché “fare riferimento alla natura e ai limiti dell'obbligazione professionale” (art. 10, comma 3).

Le informazioni devono essere, inoltre, “trasparenti, veritiere, corrette e non devono essere comparative con altri professionisti, equivoche, ingannevoli, denigratorie o suggestive” (art. 10, 2é comma).

No, dunque, a studi legali immersi in improbabili scenari esotici, circondati da spiagge bianche e mare cristallino, oppure a team di sorridenti e impeccabili professionisti al servizio degli utenti se ciò non corrisponde alla realtà, o ancora a slogan eccessivi per rafforzare l'efficacia e la visibilità del messaggio.

Sì, invece, alla semplice “indicazione del logo e dei recapiti dello studio professionale” che, magari in pochi guarderanno, ma che, per il CNF, costituisce “indubbiamente contenuto lecito dell'informativa”. 

(16/09/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF