Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione: la responsabilità dell'avvocato va accertata tenendo conto della 'diligenza professionale media esigibile'

I chiarimenti in una pronuncia della suprema corte
cassazione sentenza giudice toga avvocato
Con sentenza 16690/2014 la Corte di Cassazione ha stabilito ricordato che la responsabilità professionale dell'avvocato, configura un'obbligazione di mezzi e non di risultato.

Ciò significa che la responsabilità presuppone una violazione del dovere di diligenza.

Non va adottato però, spiega la Corte, il criterio generale della diligenza del buon padre di famiglia, ma "quello della diligenza professionale media esigibile, ai sensi dell'art. 1176, secondo comma, c.c., da commisurare alla natura dell'attività esercitata".

La Corte ricorda inoltre che per affermare la responsabilità dell'avvocato non ci si può basare solo fatto "del suo non corretto adempimento dell'attività professionale" va infatti verificato se:

a) l'evento produttivo del danno al cliente è riconducibile alla condotta professionale;
b) se un danno vi è stato effettivamente;
c) se, nel caso in cui il professionista "avesse tenuto il comportamento dovuto, il suo assistito, alla stregua di criteri probabilistici, avrebbe conseguito il riconoscimento delle proprie ragioni, difettando, altrimenti, la prova del necessario nesso eziologico tra la condotta del legale, commissiva od omissiva, ed il risultato derivatone".

Nel caso preso in esame dei giudici di piazza Cavour un ingegnere aveva dato incarico al proprio avvocato di procedere al recupero di un credito maturato per prestazioni professionali rese per la progettazione di una palazzina.

L'ingegnere aveva poi revocato il mandato all'avvocato lamentando una serie di negligenze anche in relazione alla strategia processuale intrapresa.

La domanda veniva respinta perché dall'istruttoria non era emerso che l'attività svolta dal legale e le sue strategie avessero arrecato un pregiudizio al cliente.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/09/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Avvocati: la petizione contro la Cassa forense arriva nei tribunali
» Caduta sulle scale bagnate? Paga il condominio
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF